2 ottobre 1850
Caro Bones, Che piacere, per me, mettere piede nell’entrata gelida e piena di correnti d’aria, qui a Chapelwaite, con tutte le ossa doloranti per colpa di quella abominevole carrozza, con l’urgenza di dare immediato sollievo alla mia povera vescica… e riconoscere la tua inimitabile zampa di gallina sulla lettera indirizzata a me e appoggiata sopra l’orribile tavolinetto di ciliegio accanto alla porta.

Stephen King
A volte ritornano

 

Padre Angel si sollevò con uno sforzò solenne. Si stropicciò le palpebre con le ossa delle mani, scostò la zanzariera di tulle e restò seduto sulla stuoia spelacchiata, assorto per un attimo, il tempo indispensabile per rendersi conto di essere vivo e per ricordare la data e il suo riscontro nel martirologio. "Martedì quattro ottobre", pensò; e disse a voce bassa: "San Francesco d'Assisi."

Gabriel García Márquez
La mala ora

 

Erano quasi le undici di una mattina di mezzo ottobre, senza sole e con una minaccia di pioggia torrenziale nell'aria troppo tersa sopra le colline: Portavo il mio completo color carta da zucchero, con camicia, cravatta e fazzolettino blu scuro, scarpe nere e calze nere di lana, con baghette blu scuro. Ero ordinato, pulito, compassato e non mi importava che lo si notasse.

Raymond Chandler
Il grande sonno

 

Ilsebill ha aggiunto il sale. Prima della procreazione abbiamo mangiato spalla di montone con contorno di fagiolini e pere, dato il principio d’ottobre. Ha fatto, ancora a tavola e a bocca piena: “Adesso andiamo a letto poi subito o prima vuoi raccontarmi com’è iniziata la nostra storia, quando dove?”

Günter Grass
Il rombo